logo-espero-festivalL’Esperò Festival è nato come un piccolo festival organizzato e  curato dall’Associazione Culturale Arci “Ryunyo e La Valigia della Felicità”, con la Direzione Artistica di Zaira Zingone e Graziano Solinas, con il supporto e il contributo della Fondazione Meta e del Comune di Alghero.
Nella prima edizione, svoltasi nel 2012 presso la Torre di Sulis (Torre dell’Espero’ Real) si sono alternati concerti, mostre e teatro.

I concerti hanno spaziato dal jazz, alla musica popolare originale, alla musica contemporanea, alla pittura sonora e alla poesia, alla classica con incursioni cantautoriali, all’omaggio a De Andrè in Piazza Pino Piras, con la Buona Novella in collaborazione con Ass. Cult. Laborintus di Sassari, al jazz sperimentale e di ricerca, alla musica manouche.

Tutto offerto in un luogo piccolo, ma suggestivo, solo 60 posti, come quello della Torre Sulis, la Torre dell’Esperò Real.
Piccole anche le formazioni, quasi sempre in acustico, sempre in stretta vicinanza con il pubblico, in un’atmosfera di intimità, dialogo e scambio intensi.

Si è creato un pubblico abituale, di appassionati e curiosi, amici e artisti, turisti. La sensazione finale è stata sempre quella della scoperta accompagnata dalla felicità.

Felicità che è l’obbiettivo dell’Associazione organizzatrice.

Un ringraziamento speciale a tutto il cast artistico di altissimo spessore:
per le Mostre, Manuel Attanasio, Adriana Fiori, Paola Rizzu e Marta Raviglia; per il Teatro, Maurizio Pulina, Chiara Murru, Giuseppe Ligios, Claudio Gabriel Sanna , Sabina Sanna; per i Concerti, Marta Raviglia e Tony Cattano, Carlo Doneddu, il M° Davide Soddu e il M°Graziano Solinas, Zaira Zingone, Claudio Gabriel Sanna, Ensemble Laborintus, Maria Antonietta Azzu, Vanna Dongu Trio, Amilga Quasino e Sergio Meloni, Corale Santa Cecilia di Sassari, Direttore di coro Gabriele Verdinelli,,

Gli scatti che seguono sono relativi alla seconda edizione del 2013, dal titolo “TIME FOR A CHANGE!”.

Attesa...

Attesa…

La seconda edizione della rassegna “Espero’ Festival” | Città di Alghero, si è chiusa con successo di pubblico, critica e visibilità sui maggiori quotidiani sardi e sul web.

La media degli spettatori è stata  superiore a quella della prima edizione.
Una media che fa notevolmente aumentare il feedback positivo sul festival e sul concetto su cui si basa: elevata qualità artistica partendo dalla nostra terra, che si intreccia, armonizzandosi, a proposte, progetti e persone provenienti dal mondo che hanno uno speciale legame con la Sardegna.

Gli spettatori si stanno affezionando a Espero’ Festival e ne stanno valutando la qualità e l’offerta, riconosciute la prima come molto alta e la seconda come diversificata e avvincente.
Un commento ricorrente da parte del pubblico è  che c’è bisogno di festivals come questo ad Alghero.
Un commento degli artisti è stato invece che è una fortuna che Espero’ sia un festival senza un’etichetta di genere rigida e predefinita: la diversità degli eventi infatti permette a molti di esprimere liberamente il proprio percorso artistico, arricchendo così gli ascoltatori-spettatori di esperienze nuove e innovative.

Un grazie enorme alllo STAFF, che ha operato splendidamente durante lo sbigliettamento e nell’informazione circa i contenuti degli eventi, facendo un lavoro di “educazione all’arte e alla cultura” davvero encomiabile. Quattro giovani donne algheresi hanno quindi lavorato come collaboratrici dell’organizzazione, rendendo possibile tutto ciò che il pubblico ha potuto vedere e ascoltare.

L’ Espero’ Festival ha ospitato ad Alghero il banchetto informativo sulla Campagna Internazionale per l’abolizione delle armi nucleari, SENZATOMICA, lanciata in Italia dall’Istituto Buddista Italiano Soka Gakkai.

Siamo davvero felici di aver contribuito all’informazione per un mondo finalmente libero dagli artigli delle armi nucleari.

Per la grafica grazie a Giuseppe Anfossi.
Per la fotografia grazie a Marcello Dongu.
Per i video grazie a Roberto Achenza
Per l’ufficio stampa grazie a Spazio T ed in particolare a Chiara Murru.

Grazie anche ai nostri partners:  Spazio T Centro teatrale, All Digital, Ristorante Paco e Marina di Sant’Elmo, che hanno avuto fiducia e hanno voluto esserci anche per dare ispirazione ai futuri sostenitori di Espero’ Festival, aderendo con lo spirito di “facciamo sentire che ad Alghero le cose si muovono”.

GRAZIE ALLO SPLENDIDO CAST 2013!

Il festival ha esordito con il tutto esaurito del 30 Agosto con lo spettacolo musical-teatrale irresistibile I VIAGGI D’OGGI, di Maurizio Giordo, con Maurizio Giordo e Marco Pintus, artisti in tour tra Sicilia, Sardegna e il resto d’Italia.

Maurizio-Giordo-Marco-Pintus

La Torre San Giovanni ha accolto tantissime persone e purtroppo molti spettatori sono rimasti fuori per motivi di sicurezza.
Splendida atmosfera e forte energia hanno caratterizzato l’evento, con il pubblico presente assai felice al termine, ben disposto e curioso di continuare a seguire il resto del festival.

Il secondo evento, il concerto di AlmaCanta & Band, svoltosi il 31 Agosto in Piazza Pino Piras, ha riscosso un buon successo.
Molte le lodi tributate ad un concerto di altissima qualità artistica che portava in città il primo disco, “Legàmi”, di Zaira Zingone e Graziano Solinas, accompagnati da musicisti eccezionali quali Lorenzo Sabattini, Antonio Pitzoi, Nico Casu, Gian Piero Carta, Massimo Russino. Zaira e Graziano sono impegnati sul territorio con la promozione dell’arte, la cultura e l’educazione proprio con l’Ass. Cult. organizzatrice del Festival.

Graziano Solinas: AlmaCanta & Band

Graziano Solinas: AlmaCanta & Band

Zaira Zingone: AlmaCanta & Band

Zaira Zingone: AlmaCanta & Band

Nico Casu: Almacanta & Band

Nico Casu: Almacanta & Band

Antonio Pitzoi: Almacanta & Band

Antonio Pitzoi: Almacanta & Band

Lorenzo Sabattini: AlmaCanta & Band

Lorenzo Sabattini: AlmaCanta & Band

 

Massimo Russino: AlmaCanta & Band

Massimo Russino: AlmaCanta & Band

Gian Piero Carta, sassofono - Nico Casu, tromba: AlmaCanta & Band

Gian Piero Carta, sassofono – Nico Casu, tromba: AlmaCanta & Band

 

Dopo una breve pausa si è tornati, supportati da un’ottima visibilità sui giornali, agli eventi, con l’incredibile e raffinato duo di Marta Raviglia, cantante e compositrice ormai di livello internazionale, e Simone Sassu, pianista e arrangiatore, con il loro coinvolgente LOST SONGS.

 Marta Raviglia & Simone Sassu "Lost song"

Marta Raviglia & Simone Sassu “Lost song”

 

Marta Raviglia

Marta Raviglia

La Torre San Giovanni si è animata velocemente e il pubblico ha risposto con curiosità e sorpresa per un progetto ancora sconosciuto in tutta la Sardegna. Pubblico felice e a tratti estasiato dall’eleganza e dalla difficoltà del programma eseguito, con classe e leggerezza.

Il 7 Settembre è stata la volta del Centro Teatrale Spazio T, una delle realtà culturali più attive, originali e dinamiche in città, con la nuova produzione ERA LA NONA?, reading musicale liberamente tratto da una commedia di Aldo Niccolaj, cinica e ironica. L’attrice e premiata regista Chiara Murru e gli attori Maurizio Pulina e Antonio Luvinetti, insieme al violinista Marco Valentino, sono stati molto seguiti e applauditi dal pubblico, rivelando ancora una volta la genialità e l’attualità di un grande autore ancora sconosciuto per molti.

Chiara Murru: "Era la nona"

Chiara Murru: “Era la nona”

L’11 Settembre Espero’ Festival ha partecipato alla Diada organizzata dalla Generalitat de Catalunya, con la quale quest’anno si è felicemente sperimentata una collaborazione dinamica e proficua. La Generalitat ha contribuito a sostenere completamente i costi relativi al concerto di Elva Lutza con Ester Formosa. La location è stata cambiata (da Torre San Giovanni al Chiostro di San Francesco) per il massiccio afflusso di pubblico previsto.

ELVA LUTZA (Nico Casu & Gianluca Dessì) CON ESTER FORMOSA hanno riempito il Chiostro, quasi 200 persone, ingresso libero (l’evento è stato completamente patrocinato dalla Generalitat), confermando di essere una delle realtà più interessanti e futuribili in Sardegna. Continua infatti il loro tour in Francia e in Italia.

Elva Lutza con Ester Formosa

Elva Lutza con Ester Formosa

 

La grande chiusura sperata dall’organizzazione c’è stata: il 12 Settembre con GAVINO MURGIA & ENSEMBLE LABORINTUS in Piazza Sulis e i moltissimi spettatori entusiasti.

Gavino Murgia con Zaira Zingone – AlmaCanta

gavino-murgia-zaira-zingone-espero

Gavino Murgia e Zaira Zingone (AlmaCanta)